PUBBLICITA’ DI UNA VOLTA

Campagna pubblicitaria

Pagherei per trovare lo spot di questa campagna che fu il mio primo lavoro da modella e molto importante per quegli  anni fine 70′. Essere presi per una campagna pubblicitaria era come fare bingo al tavolo da gioco! Non solo perché pagavano tantissimo comprese le royalty, ma da lì in poi nel tuo book eri molto considerata. Infatti in seguito girai spot come Cynar con il mitico Ernesto Calindri, sei o sette caroselli ( allora si chiamavano così)  come Oro Pilla una bevanda per adulti e molti altri. Nella stessa agenzia allora eravamo in diverse e tutte partite così: da Dalila Di Lazzaro a Barbara Durso a Ornella Muti e altre ancora. Vent’anni e un mondo da scoprire! Ma è la pellicola del carosello della Singer che pagherei avere! Sì perchè fu innovativo per quei tempi che non esistevano computer o effetti speciali e grafica! Per ringiovanire l’immagine dopo anni di posate attrici rassicuranti con slogan recitato, io fui la rivoluzione. Girammo al parco di Milano e io dovevo danzare con tanto di musica pop tra un albero e l’altro e cambiando ogni volta abito per dare poi un effetto finale appunto nuovo come se danzando si cambiassero da soli. Grande lavoro di montaggio ma io me lo ricordo come una fatica pazzesca mi slogai anche una caviglia. Chi sa di regia, comprenderà che dovevo rifare lo stesso percorso ( erano molti e diversi) ma ogni volta fermandomi ( sempre al parco) cambiando l’abito. Oggi sicuramente sarebbe stata una passeggiata! Quell’anno infatti andai al festival della pubblicità a Cannes ( era meraviglioso) come una delle modelle del momento. Da lì iniziammo in diverse la carriera dello spettacolo. Niente avance, e niente tentati abusi almeno in quel periodo c’era un aria diversa di voglia di vivere, fare e divertirsi, certo i corteggiamenti non mancavano ma tutto nella norma. Molti anni dopo invece ne avrei sì da raccontare, ma penso che sapersi gestire e affrontare anche quel tipo di situazioni è parte dell’essere donna e se qualcuno ha superato il limite bè mi sono difesa o con un rifiuto, o con la lotta o con una denuncia!

Ho solo la foto della campagna stampa ed è un cimelio trovato traslocando nella classica scatola dei ricordi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *